Page:The Life of Michael Angelo.djvu/245

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
177
APPENDIX

IV

See p. 53

Quanto si gode, lieta e ben contesta
Di fior, sopra crin d' or d' una, grillanda,
Che r altro inanzi l' uno all' altro'manda,
Chome ch' il primo sia a baciar la testa!
Contenta è tucto il giorno quella vesta
Che serra 'l pecto e poi par che si spanda,
E quel c' oro filato si domanda
Le guanci' e 'l collo di tochar non resta.
Ma piu lieto quel nastro par che goda,
Dorato im punta, con si facte tempre,
Che preme e tocha il pecto, che gli allaccia.
E la schiecta cintura, che s'annoda,
Mi par dir seco: qui vo' stringier sempre.—
Or che farebon dunche le mie braccia !

("Poems," vii.)


V

See pp. 53 and 54

· · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·

Quando un di sto, che veder non ti posso,
Non posso trovar pace in luogo ignuno;
Se po' ti veggo, mi s'appicca adosso,
Come suole il mangiar fa al digiuno.

· · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·

Com' altri il ventre di votar si muore,
Ch' è piu 'l conforto, po' che pri' è 'l dolore.

· · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·

S' avien che la mi rida pure um poco
O mi saluti in mezzo della via,
Mi levo come polvere dal foco
O di bombarda o d' altra artiglieria.
Se mi domanda, subito m' affioco,